Pianificare la logistica in Cina

Offerta da Ingram Micro Commercial and Lifecycle Services

Pianificare la logistica in Cina

1 Panoramica

La sfida

La Cina è la seconda economia più grande del pianeta ed è il paese più popolato del mondo, per cui offre grandi opportunità alle aziende che vogliono espandersi all'estero. Anche se la Cina non rientra direttamente nella tua strategia di crescita, dato che si tratta del più grande paese di esportazioni al mondo, ti consigliamo di tenerla presente nell'ambito di una prospettiva economica più ampia.

Il tuo obiettivo

Leggendo questa guida capirai le opportunità offerte dalla Cina e come sfruttarle al massimo. Inoltre, ti farai un'idea generale della posizione occupata dal paese all'interno del gioco di equilibri internazionali e del perché ciò influisce sulle attività.

2 Far crescere la tua attività in Cina

Quando si pianifica di espandere la propria attività all'estero, è importante considerare la situazione corrente del mercato di destinazione. La Cina è la seconda economia più grande del mondo in termini di PIL nominale e la più grande per quanto riguarda il potere di acquisto. Dispone di buone infrastrutture di trasporto, la sua economia si basa sulla produzione ed è il paese esportatore più grande del mondo.

Il mercato della logistica cinese appare frammentato: le 20 aziende di spedizioni più importanti rappresentano meno del 2% del mercato. La maggior parte delle aziende logistiche cinesi è composta da PMI che lavorano a livello locale. Vi sono alcune aziende di proprietà straniera, DHL, FedEx e UPS e altre aziende logistiche pubbliche o private, ma per i fornitori di servizi logistici stranieri è difficile competere con le aziende locali che dispongono di una propria rete di distribuzione. Quando valuti i costi delle spedizioni, se cerchi le tariffe più basse, considera l'offerta delle aziende locali.

La Cina ospita il mercato di e-commerce più grande del mondo e supera gli Stati Uniti (450 miliardi di dollari), il Regno Unito (110 miliardi di dollari) e il Giappone (95 miliardi di dollari). L'e-commerce è un settore in crescita: nel 2017 è arrivato a rappresentare il 23,1% di tutte le vendite al dettaglio in Cina e si prevede che raggiungerà il 40,8% entro il 2021.1 Il tasso di crescita annuale degli acquirenti online in province come Henan, Shanxi e Xinjiang supera il 100% e la crescita complessiva dell'e-commerce contribuisce alla rapida espansione del settore logistico del paese.

alt text


  1. eMarketer 

3 In breve

  • Secondo le previsioni, l'importo totale degli acquisti online in Cina raggiungerà i 1000 miliardi di dollari entro il 2019.1

  • La Cina continua a godere di una buona posizione per gli acquisti transfrontalieri, soprattutto grazie a vantaggi in termini di costi.2

  • Le abitudini di acquisto continuano a evolvere: il 74% della popolazione compra solo all'interno del paese, il 24% fa anche acquisti transfrontalieri e solo il 2% acquista unicamente all'estero.3

  • Nella tabella sono riportate le categorie di prodotti più richieste per quanto riguarda l'e-commerce transfrontaliero in Cina.4

Categorie di prodotti più richieste nel mercato e-commerce transfrontaliero cinese nel 2016


  1. Forrester 

  2. eMarketer 

  3. PayPal 

  4. iResearch 2016/Ecommerce Foundation 

4 Tendenze dei clienti

Quando si decide di espandersi in nuovi mercati, è fondamentale riflettere sul comportamento dei clienti. In che modo, in genere, i tuoi clienti ideali acquistano i prodotti? Qual è il loro metodo di spedizione preferito? I seguenti dati ti aiuteranno a riflettere su come le tendenze dei clienti influiranno sul tuo modo di fare business in Cina.

  • I clienti cinesi sono abituati a ricevere i propri ordini velocemente e molti negozi online offrono la consegna in giornata.

  • Quando fanno un acquisto transfrontaliero, i clienti cinesi hanno la tendenza ad acquistare certi prodotti da determinati paesi stranieri. Ad esempio, acquistano prodotti di elettronica da aziende americane e giapponesi e prodotti di bellezza da imprese giapponesi e sudcoreane.

  • I clienti cinesi sono più propensi ad acquistare da un brand con una forte presenza sui social media e danno molta importanza a recensioni e consigli online. In molte zone dell'Asia, oltre il 50% degli acquisti e-commerce viene generato dai social media.1

  • Sebbene la presenza sui social media sia un fattore critico per i brand che vogliono vendere ai consumatori cinesi, non lo è così tanto per i negozi online indipendenti, perché gli acquirenti online acquistano spesso sui marketplace, in cui hanno a disposizione una scelta molto ampia.

  • In Cina, circa i due terzi delle vendite online vengono realizzate su un dispositivo mobile e sono aumentate del 2000% dal 2012.2

  • Il principale motore della crescita dell'e-commerce in Cina è costituito dalle città di terzo e quarto livello. Il comportamento dei consumatori nelle città emergenti inciderà sulla crescita complessiva e sulle tendenze.3

alt text


  1. Marketing-Interactive.com 

  2. eMarketer 

  3. MarketingToChina 

5 Porti franchi della Cina

Molte aziende hanno la propria sede centrale in uno dei porti franchi della Cina, aree conosciute anche come Free Trade Zone (FTZ). Si tratta di aree economiche speciali in cui le merci possono entrare, essere manipolate, prodotte e riesportate senza l'intervento delle autorità doganali cinesi.

Le FTZ sono aree con vantaggi dal punto di vista geografico, ad esempio vengono create intorno ai più importanti porti marittimi e aeroporti internazionali. La prima FTZ è stata creata a Shanghai nel 2013, a cui ne sono seguite molte altre tra cui quelle di Tianjin, Guangdong e Fujian.

All'interno di una FTZ i requisiti di etichettatura e di altro tipo si applicano alle importazioni in entrata in Cina sia di tipo B2B, business-to-business, che B2C, business-to-consumer. Sebbene le normative doganali siano stabilite a livello nazionale, il modo in cui vengono applicate varia in base al gateway doganale utilizzato. Ecco una panoramica con alcuni dati sulle principali FTZ che ti saranno utili per capire quale sia la più adatta alle tue esigenze:

FTZ di Shanghai

  • Creata nel 2013, la FTZ di Shanghai è stata la prima a essere aperta nella Cina continentale e si estende per oltre 120 chilometri quadrati.
  • Dispone di moltissimo spazio per la gestione di strutture di magazzinaggio, approvvigionamento, distribuzione e catena di fornitura. A causa dei requisiti di preregistrazione per i commercianti di paesi esteri e gli articoli gestiti a magazzino, Shanghai non è un gateway molto apprezzato tra le aziende B2C. Viene utilizzato principalmente per le importazioni B2B.

FTZ di Fujian

  • Creata nel 2014, la FTZ di Fujian si estende per circa 118 chilometri quadrati e comprende le aree geografiche di Xiamen, Fuzhou e Pingtan.
  • Lo scopo di questa FTZ è creare un ambiente di scambi commerciali che apra la Cina al resto del mondo, concentrandosi sulla cooperazione economica con Taiwan.
  • Attività e obiettivi principali: produzione avanzata, spedizioni internazionali, turismo, cooperazione relativa a strumenti finanziari e creazione di una versione moderna e marittima della via della seta.

FTZ di Guangdong

  • Si trova nella provincia costiera di Guangdong ed è stata creata per migliorare ulteriormente l'integrazione della Cina continentale con Macao e Hong Kong.
  • Lo scopo principale di questa FTZ è creare un'area finanziaria con collegamenti internazionali, sviluppare il settore dei servizi basato sulla produzione nei distretti di Qianhai e Shekou e convertirsi in un grande hub per le spedizioni internazionali e la catena di fornitura.
  • È incentrata sul settore finanziario, sui servizi di sdoganamento e sulla creazione di rotte commerciali marittime dirette a Europa e Africa.
  • Principale hub per le importazioni di e-commerce della Cina.

FTZ di Tianjin

  • Si trova nel comune di Tianjin e copre un'area geografica di circa 119 chilometri quadrati. La sua funzione principale è promuovere Tianjin all'interno del corridoio economico di Cina, Mongolia e Russia.
  • Questa FTZ è stata creata per promuovere lo sviluppo dell'area geografica di Beijing, Tianjin e Hebei e aprirla a innovazioni istituzionali che interessano tutto il territorio cinese.
  • Le principali attività svolte in questa FTZ comprendono: fabbricazione di prodotti di alta gamma, trasferimento di competenze e risorse tecnologiche e di R&S, operazioni di leasing finanziario e servizi logistici e di spedizioni internazionali.1

(Fonte: Mylo Trade)

alt text

Nuove FTZ

Sono state approvate sette nuove FTZ in Liaoning, Zhejiang, Henan, Hubei, Chongqing, Sichuan e Shaanxi, ognuna delle quali presenta caratteristiche particolari.La FTZ di Zhejiang sarà incentrata sui servizi internazionali marittimi e di stoccaggio di petrolio; quella di Liaoning sarà dedicata principalmente all'approfondimento della riforma delle aziende pubbliche; quella di Chongqing servirà per promuovere lo sviluppo dell'iniziativa cinese "One Belt, One Road", mentre quella di Henan sarà la sede di servizi logistici e di spedizioni internazionali.

Vantaggi delle FTZ:

  • Meno tasse su importazioni ed esportazioni.
  • Sistema di monitoraggio doganale speciale, progettato per semplificare la gestione delle questioni amministrative.
  • Lo sdoganamento in dettaglio delle merci è necessario solo in una fase successiva.
  • Tempi di sdoganamento più brevi.
  • I fornitori hanno diritto a un rimborso dell'IVA in seguito alle spedizioni di prodotti a una FTZ in fase di prova o alle zone franche per la logistica, conosciute in inglese come "Bonded Logistics Parks" e soggette a norme simili a quelle delle FTZ.2

Spedizioni interne alla Cina

La Cina continentale dispone di una rete di infrastrutture di trasporto ben consolidata, con cui è possibile raggiungere qualsiasi luogo al suo interno entro sette giorni. Nelle aree geografiche della costa orientale o nella Cina centrale, i tempi di spedizione si riducono a 1-3 giorni. In genere, le aziende centralizzano la distribuzione in un unico centro o ne utilizzano più di uno per coprire i mercati locali. Quest'ultimo è un metodo molto comune ed economico per raggiungere i clienti cinesi. Se stai pensando di entrare nel mercato cinese, ti consigliamo di utilizzare almeno due centri di distribuzione principali: uno nella Cina meridionale e l'altro vicino a Shanghai o più vicino a Beijing.


  1. Healy Consultants Group PLC 

  2. Journal of Commerce 

6 Le spedizioni in Cina

Vettori per pacchi di piccole dimensioni

Come descritto di seguito, i vettori più utilizzati in Cina sono CTO, TTK, Best Express, ZJS, STO, Yunda, YTO, ZTO, EMS (poste cinesi) e SF Express per piccole spedizioni. EMS è famoso per la sua copertura a livello nazionale, che comprende zone rurali non coperte dai corrieri privati. I due marketplace di e-commerce più grandi, Alibaba e Jindong, dispongono di una propria infrastruttura di ultimo miglio delle spedizioni nelle città più importanti.1

  • SF Express: quota di mercato dell'8,2%
  • EMS (poste cinesi): quota di mercato del 6,2%
  • ZTO: quota di mercato del 14,3%
  • YTO: quota di mercato del 14,7%
  • Yunda: quota di mercato del 10,5%
  • STO: quota di mercato del 12,4%
  • Altri: quota di mercato del 33,7%

Vettori per spedizioni a carico parziale (LTL) e completo (TL)

In caso di spedizioni di una certa entità, ti consigliamo di utilizzare più vettori, perché ognuno di loro copre solo alcune aree geografiche. Ecco i principali vettori per spedizioni di grandi carichi:2

  • Deppon
  • ANE
  • ZTKY
  • YIMIDIDA
  • YCG
  • HOAU
  • SF express
  • ShengFeng
  • LBEX
  • CNEX

  1. China Money Network 

  2. Journal of Commerce 

7 Come iniziare

Se stai pensando di entrare nel mercato cinese, cerca di capire quale sia la tipologia aziendale più adatta a te e verifica che i prodotti che offri possano essere importati nel paese. Successivamente, pensa ai possibili controlli su importazioni ed esportazioni e all'eventuale necessità di una dichiarazione di importazione nel momento in cui le tue merci raggiungono la Cina. Infine, trova un centro di distribuzione e relativi vettori che coprano le aree geografiche che hai scelto come target in Cina.

Utilizza l'indice Doing Business della Banca Mondiale per farti un'idea di quanto sia facile fare business in Cina. L'indice classifica 190 paesi del mondo in base alla facilità con cui è possibile aprire e gestire un'attività locale in ciascuno di essi. Per stabilire il punteggio vengono considerati dieci aspetti, tra cui la facilità con cui si riesce a ottenere l'allacciamento alla rete elettrica e l'accesso al credito e le potenzialità del commercio transfrontaliero.

Quando si entra in un nuovo mercato, è bene conoscerne le difficoltà amministrative, normative e logistiche che potrebbero presentarsi. Market Finder semplifica la consultazione dei requisiti legali e la risoluzione dei problemi logistici. Inoltre, ti permette di ricevere ulteriore assistenza e utilizzare la nostra ampia gamma di strumenti, tra cui guide dettagliate e approfondimenti.


alt text

Ingram Micro Commerce & Lifecycle Services fornisce soluzioni logistiche per aiutare le aziende a fare incontrare domanda e offerta.

Nota di suggerimento

I contenuti del sito sono solo a scopo informativo. Per consulenze finanziarie, fiscali o legali, rivolgiti a un esperto.