Pianificare la logistica in Australia

Guida offerta da Ingram Micro Commerce and Lifecycle Services

1 Panoramica

La sfida

L'Australia ha una popolazione giovane e molto eterogenea e gode di una posizione strategica per puntare all'Asia Pacifica. Queste caratteristiche la rendono un paese ricco di opportunità di crescita per le aziende. Nonostante di per sé non sia un mercato molto grande, molte aziende scelgono di aprire in Australia per poi espandersi o utilizzare il paese come punto nevralgico della propria strategia globale.

Il tuo obiettivo

Leggendo questa guida capirai le opportunità offerte dall'Australia e come sfruttarle al massimo. Inoltre, ti farai un'idea generale della posizione occupata dal paese negli equilibri internazionali e del motivo del suo influsso sulle aziende.

2 Espandere l'attività in Australia

L'Australia è cambiata molto nel corso degli anni e ora è un grande mercato di consumatori, considerato dalla maggior parte delle aziende un ottimo punto di partenza per entrare nella promettente area geografica dell'Asia Pacifico. L'Australia ha stretto legami e accordi con l'Asia, come l'accordo di libero scambio con la Cina, ma è anche molto in sintonia con la cultura e i brand americani. Grazie alle varie influenze a cui è sottoposta, agli incentivi statali disponibili e alla sua giovane popolazione, l'Australia è un mercato che fa gola a molte aziende di e-commerce e distribuzione.

alt text

3 In breve: fatti e vantaggi di espandere l'attività in Australia

  • Popolazione molto eterogenea, la cui crescita è dovuta al 60% ai flussi migratori. Ciò significa che l'Australia è un paese molto ricettivo verso nuovi prodotti e aziende.1

  • Il 90% della popolazione vive nelle città. Sydney e Melbourne sono le aree urbane principali.2

  • Secondo l'Australia Post, i tempi di consegna medi nella maggior parte delle città della costa est variano da uno a tre giorni, ma per le spedizioni da quest'ultima a Perth e le città dell'ovest, la media sale fino a cinque, sei giorni.3

  • L'Australia vanta il record mondiale di spesa pro capite in abbigliamento e, secondo le previsioni, questa è destinata a crescere del 56,5% entro il 2025. L'Australia è un mercato molto interessante per l'abbigliamento e altri settori come quelli dei beni di consumo o degli articoli sportivi.4


  1. Australian Bureau of Statistics 

  2. Banca Mondiale 

  3. Australia Post 

  4. Statista 

4 Tendenze dei clienti

Quando si decide di espandersi in nuovi mercati, è fondamentale riflettere sul comportamento dei clienti. In genere, in che modo i tuoi clienti target acquistano i prodotti? Qual è il loro metodo di consegna preferito? I seguenti dati ti aiuteranno a riflettere su come le tendenze dei clienti influiranno sul tuo modo di fare business in Australia.

Secondo un recente studio di Roy Morgan, gli australiani hanno speso oltre 41 miliardi di dollari in acquisti online nel 2016 e quattro persone su dieci comprano almeno una volta al mese su siti di e-commerce.

  • I consumatori australiani vogliono ricevere velocemente ciò che acquistano, se possibile anche il giorno stesso. Oltre l'80% degli australiani ha utilizzato o vorrebbe utilizzare la spedizione in giornata, e il 75% di loro ha utilizzato o vorrebbe utilizzare la spedizione durante il fine settimana o fuori orario.1
  • Le tre modalità di spedizione offerte più frequentemente dai retailer australiani sono: standard, rapida e click & collect.
  • Le esperienze di acquisto ottimizzate per i dispositivi mobili, sia che si tratti di un'app che di un negozio basato sul Web e ottimizzato per il mobile, garantiscono che il cliente sia in grado di fare acquisti ovunque si trovi. In Australia ci sono più di 19,4 milioni di utenti di telefoni cellulari, oltre il 35% delle transazioni e-commerce viene realizzato su dispositivi mobili e circa il 27% degli utenti da mobile fa acquisti almeno una volta a settimana.2

  1. rapporto di Temando sulle strategie di spedizione delle attività di e-commerce 

  2. eMarketer 

5 Modelli di evasione degli ordini

Spedizioni transfrontaliere in Australia

Per molte aziende, sondare il mercato australiano è piuttosto semplice: utilizzano un punto nell'Asia Pacifica da cui effettuare le spedizioni transfrontaliere in Australia. Gli australiani sono abituati a fare acquisti all'estero, per cui rappresentano un mercato ricettivo per una strategia transfrontaliera. I principali punti di ingresso per l'Australia sono Hong Kong, Cina e Singapore.

Distribuzione interna in Australia

I modelli di distribuzione interna più comuni in Australia consistono in un solo centro di distribuzione nell'area di Sydney o due centri, uno a Sydney e l'altro a Melbourne. In quest'ultimo caso, il primo centro copre le aree di Sidney e Brisbane, mentre il secondo quelle di Melbourne, Perth e Adelaide.

6 Trasporti

Corrieri per pacchi di piccole dimensioni

Il corriere più utilizzato è Australia Post, che copre tutto il territorio nazionale. L'azienda offre un'ampia scelta di metodi di spedizione in grado di soddisfare le esigenze dei tuoi piani di esportazione, compreso un servizio di depositi sicuri per la raccolta di pacchi, accessibile 24 ore su 24, tutti i giorni e con centinaia di punti di raccolta in tutto il paese.

Per la consegna di pacchi ad aziende:

  • Australia Post e Toll detengono una quota di mercato del 60%.
  • TNT ha una quota di mercato del 10%.
  • DHL ha una quota di mercato del 5%.

Per la consegna diretta al consumatore:1

  • Australia Post detiene una quota di mercato del 75%.
  • Toll ha una quota di mercato del 10%.
  • TNT ha una quota di mercato del 5%.

Altri corrieri per spedizioni di pacchi di piccole dimensioni

Nel mercato australiano sono spuntati molti nuovi corrieri e trasportatori che offrono soluzioni innovative per le spedizioni. Eccone alcuni esempi:

  • Sendle approfitta della disponibilità inutilizzata di corrieri partner per i propri ordini.

  • ParcelPoint utilizza oltre 1500 punti vendita come punti di ritiro, tra cui edicole, farmacie e minimarket.

  • WizMe offre una tariffa fissa di $ 10,69 più una piccola spesa extra per le scatole.


  1. The Australian 

7 Come iniziare a espandere l'attività in Australia

Dato che non è un mercato molto grande, molte aziende iniziano dall'Australia per poi espandersi o utilizzare il paese come punto nevralgico della propria strategia su scala mondiale.

Quando valuti se entrare nel mercato australiano, pensa ai pro e contro della creazione di un'azienda e al tipo di struttura societaria australiana più indicato per te. Una volta scelta la tipologia aziendale da utilizzare, richiedi l'ABN (la partita IVA australiana) e il TFN (il codice fiscale), e registrati per la GST (imposta sul valore aggiunto per beni e servizi) e per il regime fiscale PAYG (Pay-As-You-Go, se hai dipendenti).

Devi anche capire se per i tuoi prodotti è necessaria una dichiarazione di importazione e la registrazione del marchio, nel caso in cui decidessi di creare un dominio australiano. Infine, cerca un centro di distribuzione e corrieri che coprano le regioni australiane che hai scelto come target.

Market Finder ti offre un'analisi dettagliata dell'indice Doing Business della Banca Mondiale, con cui potrai farti un'idea di quanto sia facile fare impresa in Australia. L'indice classifica 190 paesi del mondo in base alla facilità con cui è possibile aprire e gestire un'attività locale in ciascuno di essi. Per stabilire il punteggio vengono considerati dieci aspetti, tra cui la facilità con cui si riesce a ottenere la fornitura elettrica, l'accesso al credito e il potenziale per il commercio estero.

Quando si entra in un nuovo mercato, è bene conoscere le difficoltà amministrative, normative e logistiche che potrebbero presentarsi. Market Finder semplifica la consultazione dei requisiti legali e la risoluzione dei problemi logistici, oltre a fornire ulteriori strumenti e assistenza, tra cui guide dettagliate e approfondimenti.

logo di Ingram

Ingram Micro Commerce & Lifecycle Services fornisce soluzioni logistiche per aiutare le aziende a fare incontrare domanda e offerta.

Nota

I contenuti del sito sono forniti solo a scopo informativo. Per consulenze finanziarie, fiscali o legali, rivolgiti a un esperto.