Risorse di traduzione e localizzazione

Una guida passo passo per garantire la qualità delle traduzioni

1 Panoramica

La sfida

Per entrare in contatto con il pubblico globale, devi parlare la sua lingua. A tale scopo, assicurati che i servizi di traduzione a cui ti rivolgi siano sensibili alle sfumature tecniche e culturali della lingua utilizzata nei mercati dove vuoi espandere la tua presenza.

Il tuo obiettivo

Identificare e gestire le risorse che forniranno servizi di traduzione personalizzati per il tuo sito web. In questo modo parlerai con i tuoi clienti nella loro lingua e armonizzerai la presenza del tuo brand in tutto il mondo.

Da dove cominciare

Le linee guida sulla localizzazione riportate di seguito mostrano un approccio sistematico al processo di onboarding e gestione dei vendor.

Prima di selezionarne uno, chiedi al tuo team di cosa avete davvero bisogno valutando le seguenti domande:

Lingue

Quali sono le vostre lingue di destinazione? Vi aspettate che questo elenco si allunghi?

Volume

Quante parole dovrete far tradurre inizialmente? Con quale frequenza invierete nuovi contenuti?

Servizi

Di quali servizi avete bisogno per la localizzazione di diversi tipi di contenuti, ossia:

  • Non visibili, ad esempio metadati SEO che necessitano solo di correzioni minime e di risorse meno specializzate.

  • Specializzati, ad esempio contenuti di ambito legale, tecnico o medico che richiedono risorse con precise competenze settoriali.

  • Altamente visibili, come immagini presenti sulla home page, che richiedono risorse creative, scrittura creativa ed elaborazione offline.

  • Standard, che richiedono risorse standard ed eventualmente una revisione.

Tempistiche

Quali sono le tempistiche, considerando il servizio di cui avete bisogno e il volume dei contenuti?

Piattaforma

Quale sistema utilizzerete per creare e ospitare contenuti (ad es. WordPress)?

2 Selezionare il team e classificare i contenuti

Questi passaggi illustrano le varie metodologie di controllo qualità, dalle procedure di base alle strategie più avanzate, basate su programmi accuratamente formulati.

Passaggio 1: fornisci supporto al tuo team di traduttori

Che si tratti di un team interno di traduttori o di un vendor di terze parti, adotta i seguenti benchmark per assicurarti di ottenere traduzioni di qualità:

Rivolgiti a professionisti madrelingua

Per ciascuna lingua da localizzare, scegli traduttori madrelingua per garantire la qualità dei risultati.

Affidati a esperti quando necessario

Se i contenuti presentano una terminologia specialistica, ad esempio correlata a prodotti inerenti il modello business-to-business, l'ambito tecnico o settori specifici, cerca professionisti con esperienza nella traduzione di questi tipi di testi.

Offri ai traduttori le risorse appropriate

Assicurati che i traduttori dispongano di guide di stile e glossari riguardanti la lingua e i prodotti specifici, regolarmente aggiornati per rispecchiare ogni dettaglio locale.

Passaggio 2: identifica i diversi tipi di contenuti e stabilisci le priorità di localizzazione

È poco probabile che la tua procedura di controllo qualità preveda la revisione di ogni singola parola tradotta. Pertanto, verifica i contenuti localizzati per identificarne il tipo e stabilisci la priorità da assegnare nella procedura di revisione.

Tipo di contenuti Definizione Esempi Priorità di revisione
Branding/marketing Contenuti correlati alla promozione e alle vendite ai clienti. Sito web, materiale di vendita, campagne di marketing, slogan, inviti all'azione Elevata

In genere si tratta di contenuti con la massima visibilità. Inoltre, si rivolgono a clienti nuovi e potenziali che potrebbero non avere ancora sviluppato la fedeltà al brand.
Legale Contenuti che informano i clienti di requisiti legali, contengono contratti legali o sono obbligatori per motivi di conformità Informative sulla privacy, contratti, moduli e altre note legali Elevata

Una traduzione errata potrebbe comportare problemi legali per l'azienda.

Suggerimento: idealmente, affida la revisione a traduttori con esperienza in ambito legale e sottoponi i testi anche al controllo del tuo team legale.
Interfaccia utente/app per dispositivi mobili Interfaccia utente (UI) o applicazione creata dalla tua azienda per i clienti Dashboard o altra UI di proprietà, app per dispositivi mobili autonoma Variabile

Verifica le metriche sul traffico e di utilizzo. Maggiore è la visibilità dei tuoi contenuti, più elevato dovrebbe essere il livello di priorità assegnato per la revisione.
Assistenza Contenuti che aiutano i clienti a risolvere i problemi da soli Manuali, guide dell'utente, centri assistenza Variabile

Verifica la percentuale di clienti che utilizza questi contenuti in ciascuna lingua e stabilisci le priorità di conseguenza.

Suggerimento

Se disponi di un'app, assicurati di localizzare cinque elementi chiave:

  • Nome e descrizione nella scheda del Google Play Store
  • Nomi dei prodotti e descrizioni degli acquisti in-app (IAP)
  • Testo delle campagne per app
  • Immagini, video e audio
  • Contenuti basati su server

3 Panoramica - Qualità

La sfida

La qualità dell'offerta della tua attività deve essere coerente in tutti i mercati e deve emergere anche attraverso la lingua utilizzata per trasmettere il tuo messaggio. Dopo aver selezionato un team interno o vendor terzi appropriati a cui affidare i servizi di traduzione, come fai a valutare, ottimizzare e mantenere questa qualità?

Il tuo obiettivo

Assicurarti che la qualità della traduzione sia valutata, ottimizzata e mantenuta in modo da garantire che le persone ricevano un servizio uniforme e che l'immagine del tuo brand sia coerente in tutto il mondo.

Da dove cominciare

Le linee guida riportate di seguito mostrano un approccio sistematico alla procedura di controllo qualità in tutto il programma di localizzazione.

Per iniziare, considera la portata del tuo programma di localizzazione e poniti queste domande:

  • Di quali risorse e strumenti di traduzione disponiamo?
  • Come facciamo a selezionare traduttori e revisori esperti?
  • Chi si occuperà della procedura di controllo qualità dei testi localizzati?

4 Individuare i vendor più adatti

Completando i passaggi del programma presentato in questa guida, avrai un'idea più precisa del tipo di vendor più adatto a te. Questi passaggi illustrano vari tipi di rapporti con i fornitori, da quelli più essenziali alle strategie di gestione dei vendor più avanzate e accuratamente formulate.

Passaggio 1: individua i vendor

Esegui una ricerca su Google dei servizi di traduzione. Controlla il sito web di ciascun vendor e tieni presenti i seguenti punti:

  • Quali servizi offre? Promuove determinati servizi piuttosto che altri?
  • Chi sono i suoi clienti? Sono per lo più grandi, piccoli o di entrambe le dimensioni?
  • Qual è la sua esperienza di lavoro con attività simili alla tua?
  • Di quali lingue si occupa?
  • Dove si trova la sede legale dell'azienda? Ha una sede nell'area corrispondente al tuo fuso orario?
  • Quando è stata fondata l'azienda?
  • Chi ha fondato l'azienda? È particolarmente esperta in un determinato mercato?
  • Sono disponibili informazioni sui prezzi?

Passaggio 2: identifica i diversi servizi e i tipi di vendor

I vendor standard del settore di solito offrono servizi di traduzione, desktop publishing, controllo della qualità e gestione dei progetti. Esistono due tipi principali di vendor:

Vendor monolingue

Offrono servizi solitamente in una sola lingua oppure in alcune lingue regionali. Spesso costano meno dei vendor multilingue e rappresentano una valida opzione nel caso di contenuti da localizzare soltanto in una lingua o fino a tre lingue regionali.

Vendor multilingue

Offrono una copertura globale e sono in grado di rispondere a qualunque esigenza di localizzazione. Possono gestire più progetti contemporaneamente in diverse aree geografiche e in genere si appoggiano a una combinazione di vendor monolingue, liberi professionisti e linguisti a tempo pieno per fornire i loro servizi.

Passaggio 3: identifica il tipo di vendor di cui hai bisogno

Tieni presenti le seguenti informazioni per determinare il tipo di vendor più adatto. Ricorda che potresti aver bisogno di più vendor monolingue o addirittura di più vendor multilingue per soddisfare le tue esigenze di localizzazione.

Competenze regionali

Un vendor monolingue può essere più competente per quanto riguarda le traduzioni in lingue di determinate aree geografiche.

Specializzazione dei servizi

Alcuni vendor hanno esperienza in campi particolari, come marketing creativo, transcreazione, testi di carattere sanitario, legale e così via.

Servizi offerti

Alcuni vendor sono specializzati in servizi di revisione, creazione di contenuti, testing e così via.

__Controllo qualità--

Se vuoi controllare la qualità dei contenuti, puoi contattare un secondo vendor che si occupi solo della revisione, come succede nelle case editrici, dove l'editor rivede il libro dello scrittore.

Scalabilità e riduzione dei rischi

Se produci grandi volumi di testo e devi rispettare scadenze urgenti, ti conviene affidarti a più di un vendor.

Passaggio 4: prepara una richiesta di servizio

  • Spiega brevemente le tue esigenze (contenuti, servizi, volumi e lingue) ad alcuni vendor.
  • Raccogli informazioni sulle loro capacità linguistiche, ad esempio:
    • Servizi e lingue: elenco dei servizi linguistici, comprese le specializzazioni o le aree di massima esperienza.
    • Referenze: elenco di due o tre referenze professionali, con relative informazioni di contatto.
    • Stima dei costi: calcolo approssimativo dei costi per lingua e tipo di contenuti; il prezzo è normalmente calcolato a parola per quanto riguarda le traduzioni e a parola o a ore per le revisioni.

Passaggio 5: seleziona i vendor

Decidi quali vendor rispondono meglio alle tue esigenze di localizzazione. Valuta se offrono i servizi e le lingue di cui il tuo team ha bisogno. Valuta anche quanto sembrano interessati a collaborare con te, ad esempio se sono stati reattivi durante i primi contatti.

Passaggio 6: prepara una richiesta di proposta

Prepara una richiesta di proposta e inviala ai vendor selezionati. La tua richiesta deve:

  • Presentare il progetto: offri una panoramica della tua azienda, dei tuoi contenuti e del tuo pubblico
  • Spiegare le tue esigenze: i servizi di cui hai bisogno, le lingue di destinazione, il volume, le competenze richieste, le scadenze e così via
  • Specificare le informazioni che richiedi: che cosa ti aspetti esattamente dalla risposta dei vendor selezionati?

Informazioni da richiedere ai vendor selezionati

Panoramica del vendor

Informazioni da includere:

  • Lingue
  • Clienti di esempio
  • Specializzazioni
  • Sedi
  • Numero di dipendenti

Procedure di controllo qualità

Informazioni sulla metodologia di lavoro e sulle procedure di correzione nel caso insorgano problemi.

Tempistiche

Informazioni sui tempi di consegna e sulle procedure in caso di ritardi e scadenze non rispettate.

Risorse

Informazioni da richiedere:

  • Background tipico dei linguisti
  • Numero di linguisti dipendenti o di collaboratori sotto contratto
  • Ubicazione dei linguisti
  • Formazione fornita
  • Gestione delle prestazioni
  • Come vengono assegnati i costi dei fornitori

Supporto organizzativo

Informazioni sui tuoi referenti, ad esempio se avrai a disposizione un project manager dedicato alla localizzazione, e sul fuso orario in cui operano.

Sistemi

Informazioni da richiedere al vendor:

  • Quali piattaforme utilizza.
  • Tipi di file supportati.
  • Se fornisce assistenza per l'integrazione con le tue piattaforme.
  • Se devi dedicare le tue risorse al progetto.
  • Se fa pagare i costi di integrazione.

Stima dei costi

Puoi chiedere al vendor:

  • Il costo a parola/lingua/tipo di contenuti.
  • Se offre un prezzo ridotto in caso di utilizzo di software basati su memorie di traduzione.
  • Se esistono ulteriori costi da prevedere, ad esempio per la gestione del progetto, la post-elaborazione, la revisione e così via.

Suggerimento

Chiedi al vendor di fornire un campione. Fornisci dei contenuti campione e chiedi che ne venga eseguita la traduzione da uno dei linguisti che lavoreranno al progetto. Fai verificare i risultati da due o più persone del tuo team.

Passaggio 7: individua indicatori chiave di prestazione (KPI) da inserire nel contratto che stipulerai con i vendor selezionati

Devi firmare un contratto con ciascun vendor con cui hai deciso di collaborare. Includi servizi richiesti e KPI nel contratto, in modo da poter esigere dal tuo team di localizzazione il rispetto di determinati standard. Utilizza i seguenti KPI come punto di partenza e misura i miglioramenti nel tempo.

KPI per la qualità linguistica

  • Conformità: adesione ai requisiti della guida di stile e alle istruzioni del progetto
  • Grammatica: utilizzo della grammatica corretta della lingua di destinazione
  • Punteggiatura/ortografia: adesione alle regole della lingua e alla guida di stile
  • Significato: capacità di trasmettere lo stesso significato espresso dai contenuti della lingua di origine
  • Terminologia: utilizzo delle traduzioni approvate presenti nel glossario, nella guida di stile e nella memoria di traduzione
  • Comprensione: scrittura di contenuti che un madrelingua può facilmente comprendere
  • Standard: definizione concordata di un "tasso di errore" tollerabile. Gli standard possono essere applicati a progetto o per numero di parole (ad esempio ogni mille parole).

Nota: se tu o il vendor di traduzioni non disponete di risorse che possano eseguire una valutazione oggettiva, scegli un altro vendor per controllare la qualità linguistica.

KPI per la puntualità della consegna

  • Standard: definizione concordata dei criteri di puntualità. Gli standard possono essere applicati a progetto (se è uno solo) o per numero di parole (se il lavoro sarà continuativo).

Passaggio 8: stabilisci una comunicazione efficace per ottimizzare il rapporto con il vendor

Il modo in cui comunichi con i vendor di localizzazione deve essere coerente con quello utilizzato nel tuo ambito di lavoro. Utilizza la seguente guida per le comunicazioni, da quella iniziale fino a quella finale a progetto concluso:

All'inizio del progetto

  • Chiedi al vendor di tenere traccia dei dettagli chiave del tuo progetto (data di inizio, stato di avanzamento, data di consegna ecc.) e di comunicarteli.

  • Organizza un incontro preliminare. Stabilisci criteri di sincronizzazione per condividere gli aggiornamenti e identifica ed esponi subito eventuali problemi.

  • Gestisci le aspettative rispetto alla qualità. Discuti di esigenze e aspettative con i vendor. Aggiorna gli standard stabiliti a seconda delle necessità.

  • Crea riferimenti linguistici. Fornisci riferimenti concreti per comunicare le tue preferenze linguistiche, ad esempio screenshot, guide di stile, glossari e così via.

Nel corso del progetto

  • Avvisa immediatamente il vendor se riscontri problemi di qualità. Assicurati di chiarire gli standard di qualità da rispettare, evidenziare gli eventuali problemi e monitorarne la risoluzione.

  • Prevedi aggiornamenti. Discuti di aggiornamenti alla guida di stile, al glossario, alla procedura di controllo qualità e così via.

  • Individua continue opportunità di miglioramento. Condividi le best practice. Comunica aggiornamenti, annunci e consigli.

  • Rispondi tempestivamente alle domande del vendor. Fornisci informazioni chiare e condividi le risorse e gli strumenti che ritieni utili.

A progetto finito

  • Fornisci feedback ai vendor. Fai sapere loro quali parti sono state eseguite con cura e dove ci sono invece margini di miglioramento.

Le linee guida sulla gestione dei vendor qui illustrate possono aiutarti a selezionare e gestire vendor che offrano le traduzioni di qualità che il tuo pubblico merita.

5 Controllo qualità

Passaggio 1: predisponi una procedura di controllo qualità dei contenuti

La procedura ottimale prevede due controlli chiave:

a. Revisione linguistica

È necessario verificare che la traduzione trasmetta gli stessi concetti principali espressi dai contenuti nella lingua di origine. Inoltre, la terminologia dovrà essere coerente e corrispondere al glossario fornito; i caratteri utilizzati dovranno essere conformi a quelli richiesti dalla guida di stile e così via.

L'organizzazione della procedura dipenderà dal volume dei progetti di localizzazione. Ad esempio:

Localizzazione una tantum

Un professionista madrelingua rivede la traduzione, preferibilmente con uno strumento di traduzione assistita (CAT), per consentire ai futuri revisori di beneficiare del suo lavoro.

Volumi da basso a medio

Il vendor si occupa sia della traduzione sia della revisione finale dei contenuti utilizzando uno strumento CAT. In questo modo, i traduttori futuri impareranno da ciascun progetto e potranno utilizzare traduzioni precedenti per gli stessi contenuti.

Esigenze continue di localizzazione

Il vendor utilizza uno strumento CAT per coordinare il flusso di lavoro della localizzazione e generare una cronologia o "memoria di traduzione" dei progetti passati. Per ciascun progetto di localizzazione viene fornito il feedback da revisori specializzati; inoltre, le valutazioni vengono monitorate per individuare miglioramenti sistematici e giudicare le prestazioni dei traduttori. Di tanto in tanto, invita i traduttori a visitare la tua sede per aiutarli a comprendere le esigenze della tua attività e dei tuoi contenuti.

b. Convalida tecnica

Esegui il codice di una versione localizzata del sito web o dell'app per verificare che il testo venga visualizzato correttamente. Controlla come appaiono i contenuti sui vari schermi dei computer desktop e dei dispositivi mobili. L'obiettivo è individuare eventuali errori prima di proporre ai clienti la versione localizzata del sito web o dell'app.

Passaggio 2: misura la qualità della localizzazione in base agli indicatori chiave di prestazione (KPI)

Puoi valutare e monitorare l'andamento del programma di localizzazione. Utilizza i seguenti indicatori chiave di prestazione come punto di partenza e misura i miglioramenti nel tempo.

Ad esempio, se in un determinato mercato la percentuale di conversione dei visitatori è bassa, esamina più a fondo la qualità della traduzione di quell'area geografica e chiedi a persone madrelingua di fornire un feedback sui contenuti.

KPI linguistici • Leggibilità/stile/tono
• Conformità
• Significato
• Grammatica
• Punteggiatura/ortografia
• Terminologia
KPI sull'impatto • Nuovi clienti acquisiti nei mercati
• Traffico sul sito web (per paese e lingua)
• Percentuale di conversione dei visitatori
• Percentuale della quota di mercato
• Percentuale del ROI delle traduzioni

Tenendo sempre presenti le linee guida sulla gestione della qualità sopra indicate, preparati ora a scegliere il personale che creerà i tuoi contenuti in diverse lingue.