Come gestire l'internazionalizzazione

1 Panoramica

La sfida

Circa il 75% dei consumatori è più propenso ad acquistare da siti web nella propria lingua.1 Pertanto, se decidi di internazionalizzare il tuo sito, è fondamentale poter parlare nella lingua del mercato target per aumentare le entrate.

Il tuo obiettivo

Massimizzare il coinvolgimento degli utenti creando un sito web che parli la loro lingua e li faccia sentire a casa, ma che conservi tutta la potenza del sito originale in termini di branding e vendita.

Da dove cominciare

Crea un team per stabilire la tua strategia di localizzazione. Per iniziare, poniti queste domande:

  • Quali lingue parlano i tuoi clienti target? Considera le variabili. Ad esempio, in paesi come il Canada, il Sudafrica e la Svizzera si parlano più lingue. Lingue come l'arabo, il cinese e lo spagnolo hanno diversi dialetti.

  • Il tuo sistema di gestione dei contenuti (CMS) supporta più lingue?

  • Chi si accerta che i contenuti del tuo sito (ad es. immagini, simboli, colori e testo) siano appropriati per il mercato in cui operi?

  • Il design del tuo sito è adattabile ai dispositivi mobili?

Suggerimento

Se il tuo mercato è composto da una numerosa comunità di expat, è possibile che i clienti preferiscano visualizzare contenuti nella propria lingua, ma con prezzi nella valuta locale.

2 Progettare un'interfaccia utente facile da localizzare

Parla con il tuo team di progettazione su come creare un'interfaccia utente adattabile a tutte le lingue di destinazione. Questo design dovrebbe consentire ai traduttori di concentrarsi sulla correttezza della traduzione. L'interfaccia utente dovrebbe:

Adattarsi alle varianti:

  • Spaziatura- Ad esempio, spesso il tedesco è più lungo dell'inglese e l'arabo occupa più spazio verticale.
  • Densità - Ad esempio, i caratteri del cinese tradizionale sono dettagliati, pertanto utilizza un carattere da 12 pt in su.
  • Lingue da destra verso sinistra - Ad esempio arabo, ebraico, persiano.

Includere:

Suggerimento

La traslitterazione consiste nello scrivere le parole o le lettere con i caratteri più corrispondenti possibile di un altro alfabeto. Ad esempio, Russia in cirillico si scrive "Россия", ma viene di solito traslitterato come "Rossiya" e tradotto Russia.

3 Sviluppare il sito per gestire le esigenze di internazionalizzazione

L'internazionalizzazione è un un processo di preparazione alla localizzazione. Garantisce che i prodotti e i servizi vengano tradotti facilmente nelle lingue locali e adattati alle culture locali. Spesso viene indicata con l'abbreviazione i18n.

Rendi il tuo sito più intuitivo per tutti: clienti e traduttori. Prima di tutto, collabora con gli ingegneri per codificare il sito tenendo conto di lingue e tipi di contenuti diversi. Poi, crea una guida tecnica alla localizzazione. Le best practice in materia di codifica/ingegneria dovrebbero includere:

  • Flusso di lavoro e strumenti

    • Verifica che comandi, pulsanti e moduli siano facili da capire per tutte le culture.
    • Consenti agli utenti di configurare la loro lingua preferita utilizzando un selettore di linguaggio universale (ULS).
    • Consulta i profili delle lingue degli utenti per scoprire le lingue che gli utenti multilingue parlano di più.
  • Gestione dei caratteri e delle stringhe

    • Evita di mostrare agli utenti le stringhe dell'interfaccia utente non ancora tradotte.
    • Memorizza tutti i dati in un formato lingua/paese neutro (ad es. Unicode per le stringhe).
  • Librerie

    • Utilizza librerie conformi agli standard di settore per la formattazione di lingue specifiche (ad es. Unicode Common Locale Data Repository [CLDR] per date, orari, fusi orari, numeri e valuta).
    • Crea una libreria di identificatori internazionali per rappresentare lingue e aree geografiche in modo adeguato (se necessario).

4 In che modo Google esegue la scansione, indicizza e restituisce le pagine web

Per fare un paragone semplice, la ricerca sul Web è come la consultazione di un enorme libro con un indice estremamente dettagliato che riporta l'esatta collocazione di tutti i contenuti. Pertanto, quando un potenziale cliente esegue una ricerca su Google, i nostri programmi consultano l'indice per determinare i risultati più pertinenti da restituire. Le tre fasi essenziali del processo sono:

Scansione

La scansione è il processo mediante il quale le pagine nuove e aggiornate vengono aggiunte all'indice di Google. Per eseguirla, impieghiamo un'enorme quantità di computer che recuperano miliardi di pagine web. Il programma che effettua questa operazione è denominato Googlebot (noto anche come robot, bot o spider). Googlebot si serve di un processo algoritmico per determinare i siti da sottoporre a scansione, la frequenza con cui eseguire tale operazione e il numero di pagine da recuperare su ogni sito. Google non accetta pagamenti per eseguire con maggiore frequenza la scansione di un particolare sito; inoltre, l'attività di ricerca e il servizio Google Ads fanno capo a unità aziendali separate.

Indicizzazione

Googlebot analizza ciascuna delle pagine sottoposte a scansione per compilare un gigantesco indice di tutte le parole in esse contenute e della loro posizione in ciascuna pagina. Inoltre, elaboriamo le informazioni racchiuse tra gli attributi e i tag dei contenuti chiave, quali i tag title e gli attributi ALT. Googlebot è in grado di elaborare numerosi tipi di contenuti, ma non tutti. Ad esempio, non possiamo elaborare i contenuti di alcuni file rich media o le pagine dinamiche.

Restituzione dei risultati

Quando un utente avvia una ricerca, i nostri computer cercano nell'indice pagine corrispondenti alla query e restituiscono i risultati più pertinenti. La pertinenza è determinata da oltre 200 fattori, uno dei quali è il PageRank, ovvero l'importanza di una pagina in base al numero di link che rimandano ad essa presenti in altre pagine. Ogni link a una pagina del tuo sito presente su un altro sito aumenta il tuo PageRank, ma non tutti i link sono uguali: Google si impegna a fondo per identificare i link di tipo spam e altre prassi che incidono negativamente sui risultati di ricerca. I link migliori sono quelli derivanti dalla qualità dei contenuti.

Affinché il tuo sito possa posizionarsi bene nelle pagine dei risultati di ricerca, è importante che Google possa eseguirne la scansione e indicizzarlo correttamente. Le nostre Istruzioni per i webmaster illustrano le best practice per migliorare il ranking del sito.

Le funzionalità Forse cercavi e Completamento automatico di Google sono concepite per far risparmiare tempo agli utenti mostrando termini correlati, errori di ortografia comuni e query frequenti. Le parole chiave utilizzate da queste funzionalità vengono generate automaticamente dai nostri web crawler e algoritmi di ricerca. I suggerimenti vengono mostrati solo quando riteniamo che possano far risparmiare tempo all'utente. Se un sito ottiene un buon posizionamento in relazione a una parola chiave, è perché gli algoritmi hanno determinato che i suoi contenuti sono più pertinenti rispetto alla query dell'utente.

5 Come rendere ogni versione linguistica facilmente individuabile

Una lingua, una pagina

Se offri il tuo sito web in più lingue, su ciascuna pagina contenuti ed elementi di navigazione devono essere in una sola lingua; evita le traduzioni con testo a fronte.

Indica la lingua nell'URL

Mantieni separati i contenuti di ciascuna lingua con URL diversi e indica la lingua nell'URL. Ad esempio, l'URL www.miosito.com/de/ indica che quella pagina è in tedesco.

Lingua target

Indica a Google quale lingua hai scelto come target mediante i meta tag hreflang. Nel linguaggio HTML, "href" è l'abbreviazione di "hypertext reference" (riferimento ipertestuale) ed è utilizzato per codificare tutti i link HTML, mentre "lang" rappresenta la lingua.

Crosslinking

Nella parte superiore destra di ogni pagina, inserisci un pulsante che consenta ai clienti di selezionare la lingua o la regione preferita, a prescindere dalla versione del sito su cui sono approdati inizialmente.

Contenuti dinamici

Sebbene Google raccomandi di utilizzare URL separati per i contenuti nelle varie lingue, è comunque in grado di gestire contenuti dinamici e personalizzati, in cui un sito web identifica dove si trova l'utente in base all'indirizzo IP e visualizza automaticamente i contenuti e la lingua pertinenti. Quindi, se il tuo sito utilizza una struttura dinamica, non è necessario modificarlo: sarà reperibile nelle ricerche online. In questo modo, i fornitori di contenuti dinamici non verranno svantaggiati.


Pratiche da evitare

Tradurre solo il boilerplate

Non tradurre solo il testo del boilerplate se il resto dei contenuti del sito web è in un'altra lingua, come spesso accade nelle pagine che riportano contenuti generati dagli utenti (ad esempio i forum). Gli stessi contenuti ricorrerebbero più volte nei risultati di ricerca (una per ogni lingua del boilerplate), causando un'esperienza utente negativa.

Traduzione automatica

Le traduzioni automatiche non sempre sono corrette e potrebbero dare un'impressione negativa del sito. Utilizza un file robots.txt per impedire ai crawler dei motori di ricerca di eseguire la scansione delle pagine del tuo sito tradotte automaticamente.

Cookie

Non utilizzare cookie o script per visualizzare le versioni tradotte delle pagine. Google non può eseguire la scansione di quel tipo di contenuti dinamici per indicizzare correttamente i contenuti del sito e anche gli utenti potrebbero non essere in grado di visualizzarli.

6 Comprendere l'intenzione dell'utente

All'origine di ogni ricerca effettuata su Google, c'è un utente con un'intenzione di acquisto, in qualunque forma si manifesti: trovare recensioni e prodotti in vendita, confrontare prezzi... l'elenco è praticamente infinito.

Uno dei modi migliori per scoprire di più sull'intenzione dei tuoi utenti è esaminare le analisi delle attività di marketing. Lo Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google Ads ti rivela quali parole chiave vengono utilizzate per trovare il tuo sito web, incluse le preziose parole chiave long-tail. Analizzandole, puoi capire più a fondo che cosa cerca il pubblico del tuo sito e quindi sviluppare una strategia di contenuti per andare incontro alle sue esigenze.

Le parole chiave long-tail sono frasi composte da 3-5 parole più specifiche che gli utenti utilizzano nelle ricerche quando stanno per completare il percorso di acquisto. Ad esempio, supponiamo che un utente inizi una ricerca con i termini "poltrona ufficio". Dopo aver visitato diversi siti web, osservato vari stili e consultato servizi di shopping comparativo, il suo campo di scelta viene a restringersi ed è così probabile che passi a utilizzare termini di ricerca come "poltrona Eames ufficio in pelle".

I contenuti creati e personalizzati sulla base di queste informazioni stabiliscono una connessione immediata con l'utente: si tratta di un modo efficace per aumentare traffico, clickthrough, lead, vendite e conversioni.

7 SEO on-page e off-page

Quando Google valuta il tuo sito web rispetto ad altri, considera i contenuti effettivi del sito (fattori interni o on-page) e quanto in alto si classifica nei risultati di ricerca (fattori esterni o off-page)

Il tuo obiettivo è consentire a Google di capire esattamente di cosa tratta il tuo sito, di indicizzarne agevolmente le pagine e di navigare facilmente nella struttura e nei contenuti al fine di classificarlo accuratamente. In altre parole, il tuo scopo è ottenere il miglior ranking possibile, soprattutto quando devi competere a livello nazionale o internazionale, dove il volume di contenuti online è vastissimo e la concorrenza è numerosa.

SEO on-page

Lo scopo della SEO on-page per un sito internazionale è di ottimizzare le pagine per aiutare Google a collocarle geograficamente e a determinarne la pertinenza con facilità. Assicurati quindi di organizzare i tuoi URL globali in una struttura razionale e ripetibile che agevoli il targeting geografico dei contenuti localizzati per sottodirectory, sottodomini o domini.

È fondamentale localizzare il sito per ciascun paese di destinazione mantenendo al contempo una presenza del brand coerente a livello globale. La localizzazione a livello di design riduce il rischio di duplicare contenuti e migliora il coinvolgimento degli utenti.

Per una SEO on-page efficace, è essenziale localizzare:

  • URL
  • Tag title, con parole chiave target localizzate
  • Intestazioni (H1)
  • Corpo delle pagine
  • Attributi ALT, inclusi i nomi dei file immagine
  • Meta tag di titoli e descrizioni
  • Etichette di navigazione
  • Dettagli dell'indirizzo
  • Elevate velocità di caricamento
  • Ottimizzazione per i dispositivi mobili
  • Link interni, ad es. link a un blog interno

SEO off-page

Questa strategia consiste nell'incrementare l'autorevolezza del sito ottenendo link da altri siti web e, sostanzialmente, nell'ottimizzare tutti i fattori esterni al sito. Il ranking di un sito in Ricerca Google è tanto più alto quanto più numerosi sono i link che rimandano al sito stesso. Ecco alcuni modi per aumentare il numero dei link:

  • Creare contenuti originali, pertinenti, interessanti e localizzati.

  • Sfruttare il marketing sui social media, incoraggiando la condivisione dei tuoi contenuti.

  • Ottenere recensioni genuine su siti di terze parti.

  • Condividere articoli: inviare a directory di PR accreditate articoli interessanti e di qualità con backlink al tuo sito web.

  • Inviare immagini e/o video ai siti appositi, con titoli, descrizioni, tag e link.

  • Condividere documenti in formato PDF o PPT dal contenuto utile e originale su siti di condivisione documenti.

8 In che modo Google determina il paese di destinazione di un sito web

Nomi di domini di primo livello nazionali (ccTLD)

La presenza di numerosi siti web separati per ogni regione e lingua target, come .de per la Germania o .cn per la Cina, fa capire chiaramente a utenti e motori di ricerca che il sito è espressamente destinato a un paese specifico. Alcuni paesi impongono restrizioni all'utilizzo dei domini di primo livello nazionali, pertanto effettua una ricerca preventiva.

Suggerimento

Google considera alcuni vanity ccTLD (ad esempio .tv, .me e così via) come domini di primo livello generici (gTLD). Abbiamo infatti rilevato che utenti e webmaster spesso reputano questi domini più generici rispetto a quelli che hanno come target un paese specifico. Consulta l'elenco completo dei domini che Google considera generici.

Impostazioni di targeting geografico

Per creare un singolo sito web multiregionale/multilingue, ti occorre un dominio generico (gTLD). Avere un unico dominio significa dover gestire una sola campagna SEO. Avresti così un singolo dominio generico (gTLD) e una cartella per ogni lingua. Ad esempio, ilmiosito.com/en/, ilmiosito.com/de/ e ilmiosito.com/es/. Aumentare il ranking nei risultati di ricerca del tuo sito originale in inglese ha un impatto positivo anche sulle altre lingue.

Per i contenuti specifici di un determinato paese, il targeting geografico indica a Google quali pagine sono pertinenti per gli utenti. Se utilizzi un dominio gTLD (ad esempio .com, org o .net), puoi utilizzare lo strumento di targeting geografico di Search Console per indicare a Google che il tuo sito è rivolto a un paese specifico. Tuttavia, non utilizzarlo se il tuo sito si rivolge a più paesi.

Suggerimento

Poiché i domini di primo livello regionali come .eu o .asia non sono specifici di un solo paese, Google li considera come domini di primo livello generici.

Posizione del server

Come è possibile ricavare dal suo indirizzo IP, il server spesso si trova fisicamente vicino agli utenti, pertanto la sua posizione può essere indicativa del pubblico a cui è rivolto il sito. Alcuni siti web, tuttavia, utilizzano reti CDN (Content Delivery Network) o sono ospitati in un paese che ha una migliore infrastruttura di server web; in questo caso la posizione del server non è un indizio attendibile.

Altri indizi

Altri indizi circa il pubblico a cui un sito intende rivolgersi sono gli indirizzi locali e i numeri di telefono sulle pagine del sito, l'impiego di una determinata lingua e valuta, i link da altri siti locali e/o l'utilizzo di Google My Business (ove disponibile). Google non utilizza meta tag che stabiliscono la località (come geo.position o distribution) o attributi HTML per il targeting geografico.

9 Strutture di URL

È difficile determinare il targeting geografico per ogni pagina, quindi è opportuno prendere in considerazione l'utilizzo di una struttura di URL che faciliti la segmentazione di parti del sito web a tale scopo. Di seguito sono riportati i pro e i contro delle varie opzioni:

Struttura dell'URL Esempio Pro Contro
Specifica del paese example.ie Targeting geografico chiaro

Posizione del server irrilevante

Facile separazione dei siti
Costosa (la disponibilità potrebbe essere limitata)

Richiede più infrastruttura

Requisiti ccTLD severi (a volte)
Sottodomini con gTLD de.example.com Facile da configurare

Può utilizzare il targeting geografico di Search Console

I server possono trovarsi in località diverse

Facile separazione dei siti
Gli utenti potrebbero non riconoscere il targeting geografico soltanto dall'URL ("de" è la lingua o il paese?)
Sottodirectory con gTLD example.com/de/ Facile da configurare

Può utilizzare il targeting geografico di Search Console

Bassa manutenzione (stesso host)
Gli utenti potrebbero non riconoscere il targeting geografico soltanto dall'URL

Il server può trovarsi solo in un luogo

È più difficile mantenere i siti separati
Parametri URL site.com?loc=de Non consigliata La segmentazione basata sugli URL è complicata

Gli utenti potrebbero non riconoscere il targeting geografico soltanto dall'URL

Non consente il targeting geografico con Search Console

Qualunque struttura tu scelga, è importante che la gerarchia sia organizzata nello stesso modo per ciascuna lingua, in modo da facilitare la navigazione e la scansione.

10 Contenuti duplicati e siti internazionali

Possono verificarsi problemi di contenuti duplicati quando rendi disponibili gli stessi contenuti in lingue diverse attraverso URL differenti. Generalmente non è un problema, purché i contenuti siano destinati a utenti diversi di paesi diversi. Anche se consigliamo vivamente di offrire contenuti unici ed evitare di cambiarne il significato da una lingua all'altra, ci rendiamo conto che ciò non è sempre possibile.

Per distinguere tra le varie versioni linguistiche di una pagina e far sì che venga restituita la lingua corretta o l'URL locale quando un utente effettua una ricerca, attieniti alle linee guida sull'utilizzo di rel-alternate-hreflang. Senza hreflang i tuoi contenuti potrebbero perdere valore e avere difficoltà ad attrarre traffico.

Se impedisci la scansione mediante un file robots.txt o un meta tag robots "noindex", non è necessario nascondere i duplicati. Se, invece, rendi disponibili gli stessi contenuti agli stessi utenti su URL diversi (ad esempio, se sia example.it/ sia example.com/it/ hanno gli stessi contenuti in italiano e sono destinati a utenti in Italia), è opportuno scegliere una versione preferita e reindirizzare gli utenti (oppure puoi utilizzare il link rel=canonical).

11 Come espandere il tuo sito web nel mercato globale

Tratta tutti allo stesso modo

Considerati come un'azienda internazionale con clienti locali piuttosto che come un'attività locale con clienti internazionali e tratta i consumatori di tutti i mercati allo stesso modo. Fai in modo che il design, la funzionalità e i contenuti del tuo sito web forniscano la stessa esperienza a tutti gli utenti ovunque si trovino.

Un sito web universale o singoli siti localizzati?

Un sito web multilingue universale offre contenuti in più lingue, ad esempio un'attività canadese con una versione del sito in inglese e francese o un blog sul calcio sudamericano in spagnolo e portoghese. Un sito multilingue universale con un singolo dominio come .com presenta numerosi vantaggi:

  • Indica che la tua attività è internazionale.
  • Può essere registrato in modo più rapido, semplice ed economico.
  • Gli utenti possono trovarlo in modo più intuitivo.
  • Ma devi comunque soddisfare le esigenze di ogni mercato target localizzato.

I singoli siti web multiregionali localizzati scelgono esplicitamente come target gli utenti in paesi diversi. Questi siti utilizzano un nome di dominio di primo livello con un codice paese (ccTLD), ad es. .ie, .de o .fr:

  • È un modo per mettere in risalto il tuo stretto rapporto con i clienti di ciascun paese, nonché un indicatore rassicurante per gli utenti che vogliono prodotti e servizi nella loro lingua e metodi di pagamento conosciuti.
  • Ma l'acquisto e la registrazione di un ccTLD per ogni mercato di esportazione possono essere costosi e richiedere tempo.

Alcuni siti sono multiregionali e multilingue. Ad esempio, un sito potrebbe avere versioni diverse per gli Stati Uniti e il Canada e contenuti per il mercato canadese tradotti sia in francese che in inglese.

Scegli il nome di dominio

Il dominio di primo livello è il suffisso (ad es. .com, .org, .net) e numerosi siti di e-commerce scelgono .com perché è il primo che gli utenti utilizzano quando provano a rintracciare un'azienda senza un motore di ricerca. Sebbene Google identifichi la lingua in base ai contenuti, l'URL offre ai potenziali visitatori indicazioni utili per conoscere l'origine delle informazioni cercate. Ad esempio, i seguenti URL utilizzano .fr come sottodominio o sottodirectory per indicare con chiarezza i contenuti in francese:

  • http://example.ca/fr/vélo-de-montagne.html
  • http://fr.example.ca/vélo-de-montagne.html.

Comunicare la lingua nell'URL può anche aiutarti a scoprire eventuali problemi con i contenuti multilingue sul tuo sito. Una buona soluzione è quella di tradurre le parole nell'URL o utilizzare un Nome di dominio internazionalizzato (NDI).

Reindirizzamento geografico

Se esegui correttamente la SEO per un sito internazionale, gli utenti di Ricerca Google dovrebbero accedere alla versione del tuo sito nella lingua corretta. Ad esempio, una visita a Google.com ti reindirizzerà automaticamente alla pagina di Ricerca Google specifica del tuo paese. Tuttavia, supponiamo che alcuni utenti provenienti da indirizzi IP spagnoli cerchino contenuti in inglese. Reindirizzarli forzatamente alla sezione in spagnolo ne diminuirebbe il coinvolgimento. E allora, quali sono le opzioni a tua disposizione?

Nessun reindirizzamento geografico: consente agli utenti di scegliere di rimanere nella pagina a cui accedono sul tuo sito in inglese, nonostante abbiano un indirizzo IP spagnolo.

Nessun reindirizzamento geografico fino al pagamento: permette agli utenti di scegliere il proprio percorso finché non arrivano alla sezione "Acquista ora", quando vengono reindirizzati automaticamente."

Reindirizzamento geografico automatico: non offre agli utenti alcuna possibilità di scelta e li reindirizza automaticamente ai contenuti in spagnolo.

Banner popup di indirizzamento geografico: utilizza un banner, ad esempio: "Vuoi passare al nostro sito in spagnolo o rimanere nel sito in inglese?". In questo caso, saranno gli utenti a decidere.

Velocità di caricamento

Non dare per scontato che gli utenti abbiano accesso a reti 4G; molti utilizzano ancora la tecnologia 3G o di generazione precedente. Progetta pertanto il tuo sito in modo che si carichi rapidamente, evitando che gli utenti lo abbandonino ancora prima di visitarlo. Ecco alcuni suggerimenti per aumentare la velocità di caricamento:

  • Gli elementi multimediali d'impatto rappresentano una soluzione efficace per coinvolgere gli utenti. Tuttavia, un numero eccessivo può rallentare il caricamento del sito e indurre le persone a rinunciare prima che possano vedere le informazioni più importanti che hai da offrire. Comprimi le immagini utilizzate.
  • Limita il numero dei link di navigazione.
  • Evita di inserire popup o altre funzionalità che potrebbero interferire con la navigazione.

Localizzazione

Un sito web localizzato ha gli stessi contenuti del tuo sito web principale, ma è tradotto in modo da rispecchiare correttamente la cultura della lingua parlata nel paese di esportazione. Quando non è possibile fornire una semplice traduzione, ad esempio nel caso di un'espressione colloquiale, la scrittura creativa (o transcreation) ha lo scopo di comunicarne significato e sfumature analoghe e di sollecitare la stessa risposta nella lingua di destinazione. Per ogni nuovo mercato, devi:

  • Parlare nella lingua dei clienti.
  • Creare una versione localizzata del sito web.
  • Sfruttare il tuo branding.
  • Massimizzare la disponibilità del tuo sito per la ricerca.
  • Tenere conto di valute e pagamenti.
  • Assicurare la soddisfazione del cliente.
  • Garantire la legalità.
  • Fare attenzione ai dettagli.

Sviluppo della progettazione

Unicode è lo standard del settore progettato per promuovere e agevolare la rappresentazione coerente del testo, a prescindere dallo script. È possibile produrre contenuti in qualsiasi lingua scritta: dal greco al cirillico fino al cinese, all'arabo o all'ebraico, indipendentemente dal fatto che vengano letti da sinistra a destra o viceversa. Il sistema Unicode supporta oltre 100 script, con un repertorio composto da oltre centomila caratteri. UTF-8 è lo standard utilizzato più di frequente.

12 Best practice per i siti web in qualsiasi mercato

Inserisci le informazioni importanti nella parte superiore della pagina

Rendile visibili immediatamente, senza dover scorrere i contenuti.

Non dimenticare i dispositivi mobili

I tuoi clienti utilizzano gli schermi di piccole dimensioni di cellulari e tablet nell'arco dell'intera giornata. Crea un sito web in grado di adattarsi automaticamente ai vari dispositivi per far sì che gli utenti trovino le informazioni cercate, indipendentemente dalle dimensioni dello schermo.

Come scrivere un testo

Utilizza titoli espliciti e di forte impatto

Un titolo introduttivo chiaro sul tuo sito aiuta i clienti a comprendere rapidamente che si trovano nel posto giusto e li incoraggia a rimanervi più a lungo.

Dillo con i colori

Poiché i colori sono un'altra forma di linguaggio, documentati sul rapporto che il tuo mercato potenziale ha con i colori prima di lanciare il tuo sito in un nuovo ambito commerciale. I colori hanno un significato simbolico che varia da un paese all'altro. Ad esempio, nei paesi occidentali per i matrimoni si predilige il bianco che in Cina viene, invece, utilizzato per i funerali. Il rosso simboleggia prestigio e autorevolezza in India, mentre questa connotazione appartiene al viola nel Regno Unito e al giallo in Cina.

Elenca con chiarezza i vantaggi

Assicurati che gli utenti si rendano conto immediatamente del motivo per cui devono rimanere sul tuo sito, descrivendo i vantaggi dei tuoi prodotti o servizi in modo che siano leggibili con una rapida occhiata. Gli elenchi puntati sono un'ottima soluzione per raggiungere questo scopo.

Fornisci link rapidi a informazioni aggiuntive

Ad esempio, includi un link "Ulteriori informazioni" ben in evidenza.

Offri un chiaro invito all'azione

Quando hai le idee chiare su quale azione vuoi che gli utenti intraprendano sul tuo sito, i visitatori sono molto più propensi a compiere questo passo consentendoti di concludere l'operazione commerciale desiderata.

Costruisci relazioni con i clienti
  • Instaura un clima di fiducia aiutando gli utenti a contattarti con facilità.

  • Se chiedi informazioni personali ai clienti, spiega con chiarezza il motivo per cui lo fai e il modo in cui le utilizzerai.

  • Includi testimonianze dei clienti o verifiche di terze parti.

  • Se pubblichi annunci, accertati di distinguere tali annunci e i link sponsorizzati dal resto dei contenuti del sito.

13 Crea la tua app

Crea contenuti adatti alla cultura locale

Tutti gli elementi devono essere creati in base alle peculiarità del pubblico locale. Prendi in considerazione la grafica, le immagini, i colori, lo stile, il tono, la funzionalità e i metodi di pagamento dell'app. Per quanto riguarda i giochi, pensa a come potresti dover modificare i personaggi del gioco. Soprattutto, fai attenzione che niente risulti culturalmente offensivo o inappropriato.

Layout

Progetta l'app in base ai paesi di destinazione e rendila compatibile con la lettura da destra a sinistra o viceversa. Utilizza i formati corretti per date, ore, numeri e valute. Includi un insieme completo di risorse predefinite.

Ottimizza l'app

Alcuni mercati target possono presentare problemi come:

  • Connettività lenta, intermittente o cara
  • Dispositivi con schermi, memoria e processori meno efficaci
  • Opportunità limitate di ricaricare le batterie durante il giorno

Per aiutare la tua app ad avere un buon rendimento in questi mercati, abbiamo riunito alcuni suggerimenti su come risolvere questi problemi. Ulteriori informazioni su Building for Billions.